Img nuvoletta articolo AdKaora Marcolin

Una strategia di proximity marketing a lungo periodo per Marcolin

Tempo di lettura: 1 minuto e mezzo

Tra i tanti progetti di proximity marketing che abbiamo gestito nei mesi precedenti, vi presentiamo la strategia costruita insieme a Marcolin, azienda leader a livello mondiale nel settore dell’eyewear, per sostenere il comparto retail e per lanciare a livello multi-country l’eyewear Swarovski.

Una campagna di successo, gestita insieme ad AKQA, che ha avuto l’obiettivo di aumentare la pedonalità nei punti vendita interessati, grazie a una strategia che nel corso del 2020 è stata riformulata a seconda delle esigenze del brand e del messaggio da comunicare.

Grazie agli ottimi risultati raggiunti, la campagna è stata, inoltre, al centro del webinar di IAB Italia dal titolo “Proximity marketing: dalla teoria alla pratica”, che ha avuto come scopo quello di approfondire i temi trattati all’interno del White Paper sul proximity marketing, attraverso l’analisi di 4 casi reali appartenenti a diversi settori merceologici, tra cui proprio quella realizzata con Marcolin.

GUARDA QUI LA CASE HISTORY

LA STRATEGIA DI PROXIMITY MARKETING PER MARCOLIN

Entrando nel dettaglio della campagna realizzata da AdKaora per Marcolin, nella prima fase la priorità è stata quella di sostenere il retail, utilizzando come key point la personalizzazione, ossia la diversificazione del messaggio all’interno dell’adv per mantenere la coerenza nel post clic. Dopo aver mappato insieme al brand le boutique e i negozi di ottica in Italia, Francia e Spagna, è stata pianificata una campagna geolocalizzata con mix di formati display, la cui creatività è stata personalizzata in base al target: una per gli utenti a target boutique, che invitava a scoprire la collezione di occhiali da sole, ed una a target negozi di ottica, per scoprire anche gli occhiali da vista.

Questa strategia è stata preceduta da un A/B test iniziale con delle creatività dinamiche dei rispettivi target, e seguita da diverse Find&Go Now, tecnologia proprietaria, che ha previsto una mappa brandizzata dove, dopo l’autorizzazione alla localizzazione da parte dell’utente, è stato mostrato il punto vendita più vicino e le indicazioni per raggiungerlo.

Nella seconda fase, focalizzata sul comunicare il lancio della nuova collezione, l’obiettivo è stato di aumentare quanto più possibile la reach, evitando la dispersione geografica di una campagna nazionale per un prodotto con distribuzione selezionata. La pianificazione ha previsto una campagna con mix di formati, geolocalizzata attorno ai punti vendita segnalati dal marchio attraverso una creatività unica incentrata proprio sulla novità di prodotto, non solo sui Paesi già compresi nella prima fase (Italia, Francia e Spagna), ma anche UK e Germania. I KPI monitorati nell’approfondita analisi footfall sono stati diversi e, in particolare, spicca un numero di visite incrementali complessivo ai punti vendita superiore alle 73.000 e visitation uplift tra il 26% e il 94% a seconda del Paese.

Share