Google Lens in italiano: cos’è, come funziona e smartphone compatibili

Blog post aggiornato al 9/03/2021- Tempo di lettura: 2 minuti e mezzo

Google Lens è una delle applicazioni gratuite più famose di sempre e, dopo circa due anni dal suo debutto, ha raggiunto più di 500 milioni di download su PlayStore. Originariamente era stata creata come estensione della fotocamera stock di Google, nonché del suo assistente virtuale, ma con il tempo è diventata un’app a tutti gli effetti disponibile a livello globale.

Google Lens è uno strumento di riconoscimento delle immagini in grado di riconoscere testi, oggetti e luoghi in tempo reale, semplicemente inquadrandoli.

Attivarlo è semplice: basta scaricarlo dal PlayStore. In alcuni smartphone di ultima generazione è già integrata all’interno delle app presenti alla prima attivazione del telefono, oggi è compatibile con tutti gli smartphone Android in commercio.

Oggi è possibile utilizzare l’app con un look totalmente nuovo il cui effetto generale è quello di una maggiore pulizia visiva: al centro c’è un mirino con gli angoli arrotondati tipici dell’estetica di Mister G, mentre sotto spariscono le icone delle varie funzioni per lasciare spazio a delle indicazioni testuali. In questo modo l’utente non deve conoscere in anticipo a quale funzione faccia riferimento l’icona, ma può semplicemente leggerlo, rendendo più immediata l’interazione e l’interfaccia più user friendly.

Cos’è e come funziona Google Lens

Definito da molti come la “Shazam delle cose”, Google Lens si basa su due elementi: intelligenza artificiale e fotocamera. Sfruttando quest’ultima è in grado di:

  • copiare testi come numeri di telefono, date e indirizzi;
  • scansionare prodotti d’arredamento o abbigliamento e trovarne di simili in rete;
  • scovare libri, film, album e videogiochi inquadrando la copertina;
  • individuare luoghi specifici (città, negozi, punti di interesse);
  • eseguire la scansione dei codici a barre;
  • individuare la razza di un cane.

Pensiamo al semplice wi-fi quando non siamo a casa: con Google Lens basterà fotografare la password senza farsela dettare e il sistema sarà in grado di capire che quella combinazione alfanumerica ci permette di accedere ad Internet, riducendo al massimo le nostre “difficoltà”.

Oltre a scansionare testi e tradurli, Google Lens consente anche agli utenti di copiare il testo scansionato sul proprio computer, cercare un oggetto particolare, risolvere domande di matematica e scienze, riconoscere note scritte a mano e altro ancora.

Oltre Google Lens c’è di più

Oggi circa l’80% delle persone in Italia si connette al web solo da smartphone, con un tempo di permanenza che va oltre il 62% e l’abitudine più diffusa per chi usa lo smartphone è quella di navigare alla ricerca di informazioni. Anche un’app come Google Lens permette all’utente di soddisfare questo bisogno e lo fa semplicemente inquadrando un oggetto e fornendo maggiori informazioni su un’immagine. Oggi la comunicazione è soprattutto immagine perchè riesce a veicolare più velocemente il messaggio nel minor tempo possibile.

Il marketing visivo, infatti, comprende l’uso di immagini ma anche di video, grafiche, GIF e altro ancora. Un’attività di advertising che fa leva su un buon contenuto visivo è efficace nel creare relazione tra brand e consumatori, in quanto migliora la presenza onlinefavorisce l’interazione con il proprio target e aumenta la riconoscibilità di prodotti e servizi. 

Il nostro AdKaora Creative Studio analizza in modo accurato l’esigenza specifica dei brand e i loro prodotti, nonché il target di riferimento di ogni campagna, per poi focalizzarsi sugli elementi che possano catturare l’utente in fase di esposizione all’adv, attivando la sua attenzione attraverso la creatività e spingendolo all’interazione. Grazie ad uno studio costante e un’attenzione puntuale da un lato alle esigenze degli advertiser e dall’altro alla user experience, i formati esclusivi mobile cross device e i formati rich media proprietari vengono elaborati per sfruttare le dinamiche proprie dei device mobile e le ultime tecnologie come face recognition, augmented reality e virtual reality, con l’obiettivo di soddisfare le esigenze di awareness e drive to store delle aziende.

Vuoi saperne di più?

CONTATTACI QUI PER STUDIARE INSIEME UNA STRATEGIA.

 

VUOI VEDERE COME SI USA GOOGLE LENS?

Share