Google Lens in italiano: cos’è, come funziona e smartphone compatibili

Dopo le anticipazioni sull’aggiornamento dei propri algoritmi, è arrivato il momento che molti aspettavano: la nuova versione di Google Lens è in arrivo anche in Italia e sarà in grado di riconoscere testi, oggetti e luoghi in tempo reale, semplicemente inquadrandoli.

Attivarlo è semplice: basta aggiornare le app di Google Assistant e Google Search.

Cos’è e come funziona Google Lens

Definito da molti come la “Shazam delle cose”, Google Lens si basa su due elementi: intelligenza artificiale e fotocamera. Sfruttando quest’ultima è in grado di:

  • copiare testi come numeri di telefono, date e indirizzi;
  • scansionare prodotti d’arredamento o abbigliamento e trovarne di simili in rete;
  • scovare libri, film, album e videogiochi inquadrando la copertina;
  • individuare luoghi specifici (città, negozi, punti di interesse);
  • eseguire la scansione dei codici a barre;
  • individuare la razza di un cane.

Contenuto all’interno di Google Assistant, Google Lens non è ancora disponibile per tutti (siamo ancora nella fase di staged rollout) , ma il rilascio sta avvenendo in modo graduale per i possessori di smartphone Android. L’obiettivo è farlo diventare uno standard in grado di risolvere tantissimi “problemi”.

Pensiamo al semplice wi-fi quando non siamo a casa: con Google Lens basterà fotografare la password senza farsela dettare e il sistema sarà in grado di capire che quella combinazione alfanumerica ci permette di accedere ad Internet, riducendo al massimo le nostre “difficoltà”.

Quali sono i primi smartphone compatibili?

Nonostante Google Lens sia destinato a diventare un must su gran parte dei dispositivi Android al momento non è ancora attivo su tutti. Ci sono alcuni dispositivi che hanno una compatibilità immediata e si tratta dei Pixel Phone (sui quali la funzione di riconoscimento era già attiva lo scorso anno), degli ultimi Samsung serie S e degli One Plus.

A seguire arriveranno tutti gli altri modelli LG, Motorola, Xiaomi, Sony, HDM/Nokia, Transsion, TCL, OnePlus, BQ e Asus.

 

Share