Guida ai micro-momenti: quali sono e come intercettarli

Tempo di lettura: 2 minuti

Google li definisce “i momenti che contano”, per brand e marketers si tratta dei famosi “micro-momenti”. In un mondo dove online e offline si intrecciano continuamente nella customer journey, e nella vita in generale, di un consumatore, l’attenzione di un utente è un battito di ciglia prima di posare gli occhi sul contenuto successivo, prima di fare swipe o click sullo schermo del proprio smartphone, e quindi perdersi per sempre.

Oggi il processo d’acquisto dei consumatori è contraddistinto da un percorso di durata variabile e indefinita, costellato da diversi touchpoint, che portano le persone ad entrare in contatto con il brand stesso, mentre cercano informazioni, risposte immediate a determinati bisogni, compiono azioni, si muovono all’interno di un contesto.

Ecco perché ogni micro-momento conta: a casa, nei negozi, in mobilità, in attesa. Si tratta di occasioni chiave per le aziende, perché identificano gli istanti in cui vengono prese le decisioni e in cui si definiscono le proprie preferenze, il gradimento verso un determinato oggetto o servizio, le modalità di soddisfazione delle nostre necessità.

Questi momenti generano miliardi di “segnali”, ovvero informazioni rilevanti come il contesto (dove si trovano le persone, quale dispositivo stanno utilizzando o in che ora del giorno esprimono un determinato bisogno), ma anche l’intenzione (cioè cosa desiderano o di cosa hanno bisogno in quel momento). La combinazione di contesto e intenzione trasforma questi segnali in elementi fondamentali per chi si occupa di digital marketing, perché offre maggiori opportunità di proporre contenuti pertinenti ed entrare in contatto con i consumatori in modo più significativo e con una tempistica schiacciante.

Guarda la nostra infografica sui micro-momenti

Abbiamo riassunto in questa infografica uno schema che mostra i principali micro-momenti da sfruttare per fare in modo che il nome del tuo brand resti ben saldo nella mente del consumatore:

Collage micro-momenti_AdKaora

 

I casi appena citati sono un esempio di tanti momenti che le aziende possono sfruttare per attivare annunci pertinenti e tempestivi. La pertinenza, infatti, riveste un ruolo cruciale nella conquista dell’attenzione e dell’interesse del consumatore. La prima cosa da fare per sfruttare i micro-momenti è assicurarsi che i propri annunci siano pertinenti al tipo di contesto in cui si inserisce la customer journey. Per farlo bisogna cogliere i segnali, come detto sopra, intersecando i dati di interesse e geo-behavioural, per riuscire a comprendere le intenzioni e le abitudini dell’utente.

Queste infatti cambiano in base a:

  • tempo
  • luogo
  • dispositivo

in cui è possibile intercettare l’utente, mentre svolge altre attività. E’ necessario, quindi, trattenere l’attenzione del consumatore facendosi trovare al posto giusto, nel momento giusto, offrendogli esattamente il tipo di messaggio che si aspetta di trovare in quel momento.

Intercetta i consumatori al momento giusto con il Proximity Marketing

Grazie ad una strategia efficace di mobile advertising e proximity marketing, è possibile raccogliere importanti informazioni sulle campagne, individuare dei comportamenti di acquisto e tracciare identikit dei consumatori potenziali e delle loro abitudini, in modo da affinare sempre più la capacità di un’azienda di rispondere alle esigenze del mercato, migliorando le attività future di marketing.

Un Mobile Life Expert, come AdKaora, sa come abilitare e integrare le migliori tecnologie sul mercato ai propri asset, per offrire soluzioni di proximity marketing in due ambiti: advertising e location intelligence. Dalla reach all’analisi delle vendite, creiamo un circolo virtuoso, che parte dalla capacità di intercettare la giusta audience e di attivarla nel micro-momento più adeguato (fin davanti allo scaffale) con un mix unico di canali media, tra cui display, notifiche push e DOOH. La spingiamo a recarsi nel negozio, analizziamo il footall, l’uplift delle vendite e arricchiamo le informazioni sull’audience, utilizzabili nelle successive campagne adv o a fini più generali di marketing.

E tu quanto ne sai di proximity marketing? Testa le tue competenze!

GIOCA AD ADKUIZ!
Share