Tempo di lettura: 1 minuto e mezzo

Tra i tanti settori in evoluzione, quello del pharma ha sicuramente visto cambiamenti importanti relativi al ruolo dei punti vendita fisici con un affiancamento in crescita dei canali online. L’Osservatorio sui cambiamenti in atto nei mercati e nei consumatori, sviluppato dal team Marketing & Comunicazione di AdKaora, ha pubblicato la nuova ricerca La farmacia del futuro, che analizza il mercato del pharma nel 2021, tracciando il profilo di un settore in evoluzione.

Nel 2021 la farmacia fisica ha allargato indubbiamente il suo bacino di utenza, che dalla storica clientela residente nella zona ora si espande spesso oltre, e che permette di guardare senza troppe preoccupazioni ad un altro processo in crescita, ossia l’affermarsi delle farmacie online, che però diventano di supporto alla farmacia fisica, come luogo di esperienze non realizzabili online. Per non parlare del fatto che se l’offerta riesce a integrare al meglio i nuovi servizi, è possibile sia rafforzare la fidelizzazione dei clienti sia aumentare lo scontrino medio grazie alla mediazione del farmacista.

Abbiamo indagato come sono cambiati i bisogni relativi ai prodotti farmaceutici e le trasformazioni di abitudini d’acquisto, del rapporto con il punto vendita fisico e dell’efficacia della pubblicità, grazie alla consolidata conoscenza del mercato, ai suoi strumenti di analisi della pedonalità e alle survey su abitudini e comportamento dei consumatori.

REGISTRATI QUI E SCARICA LA RICERCA

Ecco alcune evidenze che emergono dallo studio “La farmacia del futuro”:

  1. Il cambiamento della farmacia: la farmacia non è un esercizio commerciale tipico, ma svolge anche un ruolo di assistenza al cittadino, per questo si conferma un mercato fondamentale e ad alto potenziale, che sta cambiando, diventando anche “farmacia di servizio”.
  2. Il negozio fisico come punto di riferimento: I consumatori ritengono che il punto vendita sia insostituibile al momento, ma sono sempre più multicanale nel processo di acquisto.
  3. Qualità e affidabilità: quando si tratta di salute, i consumatori sono poco permeabili a concetti diversi da qualità e affidabilità e il farmacista non viene visto solo come venditore, ma esperto consigliere.
  4. Nuovi must have di comunicazione: i marchi sanno che l’arena competitiva è sempre più calda; quindi, è il momento di riprendere a investire in comunicazione con un approccio rinnovato e con nuovi must have da tenere a mente per non perdere la giusta direzione.
REGISTRATI QUI E SCARICA LA RICERCA

Sai che abbiamo pubblicato un’analisi simile anche sul settore Beauty? Clicca QUI per scaricare la ricerca!

Condividi sui social